Rosangela Pesenti

  

ABITARE LA CASA

Abitare. Corpi, spazi, scritture

Convegno SIL 17-19 novembre 2017

 

Abitare la casa

Da quale stanza vedo il mondo ?

 

Workshop a cura di Rosangela Pesenti e Barbara Romagnoli

 

Le donne non attraversano il tempo, lo abitano; non viaggiano, traslocano: sedimentano i giorni nei gesti, i gesti nelle relazioni, le relazioni nelle cose, traslocano le abitudini nelle memorie, gli affetti nei saperi quotidiani con cui rendono abitabili gli spazi e commestibile la vita.

Rosangela Pesenti

 

Abitiamo case e le case abitano i nostri pensieri, chiedono la nostra cura, strutturano la rete di metafore con cui raccontiamo il mondo, sono lo sfondo materiale imprescindibile di ogni storia umana.

Si cresce abitando e imparando ad abitare, adattandoci al mondo che ci è stato costruito intorno e poi cominciando a modificarlo perché possa accogliere corpo e pensieri, movimenti e sentimenti, bisogni e sogni. Dentro le case scopriamo amori e diffidenze, gusti e disgusti, necessità e incanto.

Dentro le case impariamo linguaggi e segni, gesti e parole, viviamo narrazioni.

Ogni casa è un riparo fisico e psichico attraverso il quale la specie umana mette radici sul territorio "domesticandolo". Avere una casa è un bisogno imprescindibile per ogni essere umano ed è il modo con il quale ci rapportiamo al territorio e definiamo la nostra esistenza sulla terra, eppure non ha assunto ancora una forma universale nei diritti personali.

Sono prevalentemente uomini a progettare e costruire abitazioni, determinando i criteri di insediamento sul territorio, ma sono prevalentemente le donne a costituire e accudire le case, creando intorno a chi abita un organismo flessibile e creativamente efficiente senza il quale non potremmo sopravvivere.

Nelle case costruiamo la nostra immagine affettiva e sociale; riscoprirne il linguaggio può aiutarci a trovare nuovi criteri per leggere il difficile presente in cui navighiamo.

 

Nello spazio workshop si utilizzerà una metodologia attiva.

Le interessate possono inviare, entro il 25 ottobre prossimo, un pensiero, scrivendo ciò che viene immediatamente evocato pensando: Se dico casa ...

Il testo non deve superare i mille caratteri (spazi inclusi).

Inviare a Rosangela Pesenti Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

http://www.societadelleletterate.it/2017/10/abitare-corpi-spazi-scritture/